logo

Chiusa la Sesta edizione di TolentinoExpo: tanti i record battuti sia di presenze che di espositori

Cinque giorni con tantissimi visitatori, 150 espositori, oltre 30 eventi collaterali, tre mostre, 4 showcooking, degustazioni continue, questi alcuni dei numeri che raccontano la sesta edizione di TolentinoExpo che, come annunciato, ha battuto ogni record in fatto di presenze. Difficile quantizzare le migliaia di persone che, continuamente, hanno visitato l’esposizione tanto che nella serata di sabato, le porte hanno chiuso oltre l’una, dopo la mezzanotte, per le tante persone ancora presenti all’interno dei padiglioni.

TolentinoExpo si è confermata come una fiera di alto profilo organizzativo anche grazie ai 150 stand, tutti allestiti con grande cura e che hanno presentato in mostra le produzioni manifatturiere tolentinati e non solo, evidenziandone la qualità delle lavorazioni e le loro peculiarità, una grande manifestazione dove si sono incontrati tutti gli operatori, mostrando le loro produzioni e le opportunità di partnership presenti nel territorio.

Nei tre grandi padiglioni, oltre 1000 metri quadri di superficie, sono state promosse e valorizzate le produzioni industriali, artigianali e commerciali del territorio, suscitando in tutti gli operatori quel sentimento di orgoglio della produzione “Made in Tolentino” e non solo, anche grazie alla presenza di enti, associazioni e imprese operanti nei territori dei Comuni colpiti dal sisma e che sono stati ospitati proprio con l’intento di coniugare i caratteri distintivi della nostra cultura e la varietà delle nostre produzioni manifatturiere, mostrando l’immagine di un territorio comunque reattivo, in movimento, in crescita, che vuol essere protagonista, originale e competitivo, superando tutte le difficoltà dovute al post terremoto.

Ottimismo, rinnovata Fiducia, ma anche Innovazione, Ricerca, Cultura e anche Ricostruzione e Ripartenza dopo il sisma. Questi temi sono stati proposti e trattati in maniera organica ed integrata con il settore agroalimentare e turistico, perché il futuro si può costruire anche con l’interazione tra essi. Infatti il grande pregio che va riconosciuto agli organizzatori di TolentinoExpo è quello di aver promosso una grande e apprezzata kermesse per porre l’attenzione dell’opinione pubblica e del comparto economico sulla situazione che stanno affrontando i tanti imprenditori ed artigiani che, malgrado il terremoto, guardano al futuro con grande ottimismo.

Inoltre TolentinoExpo, ancora una volta, ha reso omaggio ai tanti artigiani e imprenditori che con passione, creatività, innovazione e cultura del lavoro hanno fatto conoscere, grazie alle loro produzioni ed ai loro servizi, il nome di Tolentino e di tutto il territorio nel mondo. Del resto la mission del progetto TolentinoExpo prende ispirazione dalla grande “Cultura del Lavoro” che da sempre caratterizza il territorio tolentinate che nel tempo, grazie ai suoi prodotti ha saputo imporsi a livello mondiale e contemporaneamente vuole dare a tutti la possibilità di lanciare uno sguardo universale verso il futuro, attraverso una struttura espositiva di classe che presenta prodotti di grande design, ingegno e ovviamente qualità, garantendo equilibrio, eleganza e bellezza.

Per questa edizione l’Amministrazione comunale di Tolentino ha ospitato la delegazione del Comune trevigiano di Tarzo rinnovando i rapporti reciproci di collaborazione e di amicizia con il Sindaco Vincenzo Sacchet e il Vice Gianangelo Bof, tanto da programmare un possibile gemellaggio tra le due Città. Applauditissimo il concerto tenuto dalla Corale dei Laghi di Tarzo e Revine Lago.

Altissima l’attenzione per la manifestazione dall’Umbria, dalla Romagna, dall’Abruzzo e dal Lazio che attraverso la nuova superstrada 77 risultano agevolmente collegate a Tolentino. Molti i gruppi organizzati che hanno visitato sia la città che TolentinoExpo.

Apprezzati anche i tanti eventi collaterali che hanno consentito di approfondire tematiche molto interessanti e connesse alla digitalizzazione e privacy, dai siti web, alla rete di imprese, ai finanziamenti europei. Intensa anche l’attività delle scuole tolentinati che hanno presentato la propria offerta formativa. Tanti i visitatori che hanno visitato la mostra degli Orafi di Confartigianato “TeAmaOro”, l’esposizione delle sculture e lampade in legno e oggetti di arredamento dell’artista Angelo Cristiani e nel Cortile delle ex Carceri, in via Bonaparte, l’esposizione fotografica “Tolentino ieri e oggi 1.4 – Quadrante sud-ovest”.

Come nelle passate edizioni, nelle piazze e nelle vie di TolentinoExpo connessione gratuita con hot spot wireless del Comune di Tolentino e Fidoka

TolentinoExpo è stata promossa dal Comune di Tolentino con il patrocinio, il sostegno e la collaborazione della Regione Marche Assessorato alle Attività Produttive, della Provincia di Macerata, della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Macerata, dell’Università di Camerino – UNICAM, dell’Università di Macerata – UNIMC, del Cosmari srl, di Estra Prometeo srl, dell’ASSM spa, delle Terme di Santa Lucia, dell’Unione Montana dei Monti Azzurri, del Sistema Turistico Locale dei Monti Sibillini, di Confindustria, CNA, Confartigianato, Copagri, Casartigiani, del Distretto Culturale Evoluto “Amami” della Regione Marche, della Banca Popolare di Spoleto, della JH Conceria del Chienti. Di Tecnobar, della Lube, della Varnelli, della Romcaffè, della Nuova Simonelli.

Organizzazione a cura dell’Associazione TolentinoExpo e dell’Associazione Turistica Pro Loco TCT.

C’era qualcuno che 5 giorni fa parlava di questa come l’edizione dei record – ha sottolineato in chiusura di manifestazione il Vicesindaco Silvia Luconi – Tutti facevamo qualsiasi tipo di scongiuro perché avevamo il timore che il “meccanismo” potesse incepparsi. E invece…quota 150 stands!

Ora siamo stanchi e lo siamo tutti. Però siamo anche felici e lo siamo proprio tutti, ma prima di noi lo sono gli espositori, che abbiamo salutato ad uno ad uno e ai quali abbiamo chiesto di raccontarci queste ore infinite passate in Centro Città. Ci hanno detto che hanno visto i propri concittadini che si sono divertiti, salutati, incontrati, abbracciati nel cuore pulsante della loro Tolentino, il nostro centro storico. Ci hanno detto che hanno incontrato e chiacchierato con persone che provenivano da più parti della provincia ma anche da fuori regione, incuriosite e per niente scoraggiate dalle lunghe code e camminate a piedi che hanno dovuto fare per raggiungere la fiera. Vedere un passeggio continuo tra i nostri negozi, bar e ristoranti, anche a notte fonda, non può che confermare che TolentinoExpo potrebbe essere portata ovunque e in tantissimi la vorrebbero, ma la sua vera essenza ce l’ha solo nel Centro Storico.Lavoreremo, nella prossima edizione e comunque nei limiti del possibile, per ridurre all’osso i disagi che alcuni (ma per fortuna non tutti) hanno dovuto subire.

Se fatta bene, questa manifestazione può solo che crescere.

Quest’anno abbiamo introdotto tutta una serie di novità, a partire dalla parte culturale e scolastica con la presentazione delle offerte formative dei nostri istituti superiori, perché gli studenti di oggi potranno essere gli imprenditori del domani (Alessandro Massi Gentiloni SilveriAlessia Pupo); l’ormai tradizionale stand dell’Informagiovani, ha anche ospitato tutta la parte promozionale e turistica della nostra città (Francesco Colosi); abbiamo voluto grandi nomi della Cucina Italiana per degli show cooking di tutto rispetto (Roberto Cantolacqua e Simone Scipioni); degli Assessori si sono improvvisati anche allenatori nella ormai tradizionalissima partita del cuore che quest’anno ha voluto prendere parte a questa manifestazione (Giovanni Gabrielli). Abbiamo presentato iniziative turistiche, promozionali e culturali di grande qualità. Insomma, per dirla in breve, abbiamo voluto pensare in grande e insieme abbiamo agito. Grazie a chi ha lavorato, corso, sudato, condotto dirette, intervistato, Edoardo Mattioli, Rodolfo Frascarello, Albino Incicco, Novella Scalzini, Ester De Troia, Luca Romagnoli.
Grazie ad Andrea Crocenzi, per aver sposato in toto la causa e per essersi appassionato insieme a noi. Grazie all’Associazione Tolentino Expo, grazie alla Pro Loco, grazie a Canale 14, Multiradio e a tutti i media. La nostra riconoscenza va a chi ci ha sostenuto ed affiancato come la Regione Marche, Provincia di Macerata, come l’Assm spa, le terme di Santa Lucia, Estra Prometeo, Cosmari srl, Gal Sibilla, Camera di Commercio, le Università di Camerino e Macerata, Unione Montana Monti Azzurri, alle associazioni di categoria e agli sponsors come Banca Popolare di Spoleto, Conceria del Chienti, Tecnobar, Lube, Varnelli, Romcaffè e Nuova Simonelli.

Siete tutti nel nostro cuore.